Protezione Civile

Sede: Z.I. Santo Chiodo, Via dei Tessili n. 15
Tel. 0743 222450 Fax 0743 201266
Email: protezione.civile@comunespoleto.gov.it

Responsabile:
Stefania Fabiani
T. 0743 222450 – Email: stefania.fabiani@comunespoleto.gov.it

___________________________________________________________________________________________

I volontari del Servizio Civile Nazionale, in collaborazione con la Protezione Civile di Spoleto, hanno realizzato un settimanale di informazione riguardante le attività dell’ente. Questa iniziativa è inserita nell’ambito del progetto “La Protezione Civile Comunica 1.0″, promosso dal Comune di Spoleto, per incrementare lo scambio comunicativo tra cittadini e pubblica amministrazione.

Questa proposta nasce, inoltre, dall’esigenza di sensibilizzare la popolazione sui rischi reali legati alle recenti emergenze che hanno coinvolto il nostro territorio e sui corretti comportamenti da tenere in queste situazioni.

Il periodico verrà pubblicato settimanalmente in questa sezione del sito istituzionale e nella pagina Facebook “Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Spoleto”.

La protezione civile comunica 1

La protezione civile comunica 2

La protezione civile comunica 3

La protezione civile comunica 4

La protezione civile comunica 5

La protezione civile comunica 6

La protezione civile comunica 1.0 N.7

La protezione civile comunica 8

La protezione civile comunica 9

La protezione civile comunica 10

La protezione civile comunica 11

La protezione civile comunica 12

La protezione civile comunica 13

LA PROTEZIONE CIVILE COMUNICA 14

 

 

Dal 1 al 31 ottobre sono aperte le iscrizioni al gruppo comunale di protezione civile

———————————————-

TERREMOTO 2016 Scarica il modulo per richiedere il sopralluogo 

——————-

Questionario “La Terra ti parla: impara ad ascoltarla”

Con Decreto Sindacale n. 103 del 22.12.2015 è stato costituito  un gruppo di lavoro tra diversi Enti e soggetti per il monitoraggio e la ricerca dal titolo: studio dei transienti sismogeochimici e idrogeochimica della zona caratterizzata da anomalie termiche ed idrogeologiche del 2015 nel comune di Spoleto, in quanto dai primi giorni di dicembre si ha avuto segnalazione di un pozzo caldo sito in San Martino in Trignano. A seguito di tale anomalia termica è partita un’indagine di approfondimento delle cause tuttora in corso. Le ipotesi di tale fenomeno sono varie: di natura tettonica, di natura sedimentologico/geochimica (ossidazione di materiale organico di natura solida e gassosa legata alla presenza di lignite), di natura legata a mixing si reservoir denotanti geochimica dei fluidi a differente temperatura legati a strutture quaternarie riscontrate in zona (es. corpo intrusivo di Colle Fabbri). Tutte le ipotesi sono ancora aperte.

Inoltre, data la microsismicità presente in zona relativamente a piccoli terremoti registrati dalla rete sismica nazionale e localmente avvertiti dalla popolazione, l’ufficio di Protezione Civile intende implementare la ricerca di natura sismogeochimica, anche rispetto ai fenomeni osservati, rendendo la popolazione costantemente informata.

Per i suddetti motivi – e per ora con scopo meramente scientifico più che direttamente “operativo” il Comune di Spoleto intende anche rendere partecipe la popolazione, sotto forma di “democrazia partecipata nella scienza” alla possibile compilazione di un apposito questionario che è stato formulato in situazioni simili per altri comuni dell’Italia centrale, sia in Toscana che in Umbria. La spiegazione di questo questionario di ricerca potrà essere svolto a breve da parte della Dott.ssa Fedora Quattrocchi – parte attiva del Gruppo di ricerca sulla Tettonica della Struttura Terremoti di INGV (stituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia), nella disciplina geochimica dei fluidi/transienti sismogeochimici, che spiegherà come certi fenomeni a volte son legati alla sismotettonica e d a volte non lo sono.

Con il  questionario “La Terra ti parla: impara ad ascoltarla”, l’Amministrazione Comunale e l’Ufficio di Protezione Civile del Comune di Spoleto chiedono la tua collaborazione, come abitante del nostro territorio, per segnalarci in tempi brevi la presenza di fenomeni anomali nel comportamento di animali, nel manifestarsi di alcuni fenomeni geologici e nella comparsa di effetti particolari su vegetazione-colture, falde acquifere, pozzi e sorgenti.

Queste fenomenologie possono essere associate a eventi calamitosi quali frane, instabilità di infrastrutture (dighe, ponti, strade, cave, miniere etc..), contaminazione di acquiferi ed eventi sismici. Si ricorda alla popolazione che la nostra zona è caratterizzata infatti da dighe, ponti, cave, miniere, acquiferi particolari ed è infine una zona sismica.

I dati saranno analizzati con esperti scientifici nel settore, anche in collaborazione con l’Università di Perugia, tenendo presente la letteratura prodotta dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Fedora Quattrocchi   e il suo gruppo di lavoro).

La complessità, varietà ed estensione del nostro territorio, sia dal punto di vista idrogeologico che sismo-tettonico, lo rendono particolarmente adatto ad uno studio di ricerca sui fenomeni transienti ambientali-geologici. I risultati di tale ricerca potranno avere in futuro anche una valenza operativa.  Per questo la tua partecipazione è davvero importante.

Il Sindaco Fabrizio Cardarelli

questionario_doc

questionario_pdf

———————————————————–

 

Corsi e lezioni di Protezione Civile:

CORSO BASE PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIO

Pin It